Tic, tac, tic, tac il tempo scorre...

Il tempo per il tuo cane.
Ti sei mai chiesto se il tuo cane percepisce lo scorrere del tempo?

Andiamo a scoprire insieme il suo speciale orologio!
Sicuramente il tuo cane percepisce lo scorrere del tempo, ma in modo diverso rispetto a te!
Per lui non contano i minuti, le ore, i giorni e le settimane, ma sente il tempo che passa grazie ai suoi sorprendenti sensi e grazie al suo orologio interiore.
Il tuo cane si rende conto del passare del tempo grazie a fenomeni esterni come luce del giorno, rumori e odori insieme ad altri fattori come la necessità fisica dei bisogni o il senso della fame.
Ma c’è di più.
A sostegno della grandiosità dell’olfatto del tuo amico a quattro zampe una recente ricerca dimostra come proprio questo senso abbia un ruolo determinante nella percezione del tempo.
Il tuo cane sa che quando percepisce un odore in maniera forte quell’odore è nuovo, quindi è un odore recente.
Diversamente quando sente un odore meno forte sa che il tempo ne ha ridotto l’intensità quindi l’evento che l’ha provocato è più lontano nel tempo.
Ad esempio quando tu esci di casa stai lasciando un odore che il tempo sbiadirà.
Il tuo cane sa che quando questo odore è ancora forte tu sei uscito di casa da poco😃
Il tuo cane ha un meraviglioso orologio basato su abitudini ed accadimenti.
L’instaurarsi di una routine regolata da quello che condivide con te gli permette di avere un orologio dei vari momenti della giornata a questo si aggiungono gli odori per percepisce, mentre l’alternanza del giorno e della notte gli indica il susseguirsi dei giorni.
Sarai proprio tu a dargli le abitudini così come a soddisfare i suoi bisogni.
Tu segnerai i momenti dei suoi pasti.
Darai al tuo cane quel tempo
Allo stesso tempo costruirai un’abitudine tutelando la sua salute perché la sua salute va di pari passo con la sua alimentazione.
La sua salute è nelle tue mani.

E' tutta questione di Naso!!

Più che vedere con gli occhi, possiamo dire che percepiscono le cose con altri sensi, in particolare con l'olfatto.
Il naso del cane, infatti, è molto sviluppato: è composto da oltre 300 milioni di recettori olfattivi altamente specializzati (noi umani ne abbiamo solo 5 milioni) che permettono all'animale di distinguere e memorizzare una quantità impressionante di odori diversi, anche a concentrazioni nettamente inferiori rispetto a quelle che riusciamo a percepire noi.
Naso asciutto o naso bagnato…. qual’ è sintomo di benessere per il tuo cane?

Partiamo dal presupposto che niente è per caso e tutto ha un perché.
Il naso è un vero universo meraviglioso e l’umidità aiuta a fiutare meglio gli odori.
L’umidità in particolare aiuta l’attaccamento delle particelle odorose che il cane assorbe grazie alla secrezione nasale e che leccando trasferisce in bocca.
Un altro motivo dell’umidità del naso del tuo cane è che il tuo compagno lo lecca regolarmente per tenerlo pulito e fresco
Il naso umido, ancora, serve a controllare la temperatura corporea.
E se invece il suo naso è asciutto?
Bisogna sempre partire dal presupposto che ogni cane fa storia a se e nessuno è uguale ad un altro per cui il tuo cane potrebbe avere il naso più asciutto di un altro.
Non esistono due cani identici.
Ma quando il naso asciutto è normale?
È normale che il suo naso sia asciutto al risveglio perché dormendo il tuo cane non si lecca ma una volta sveglio in breve tempo ripristinerà l’umidità proprio leccandosi il suo bel tartufo!
Anche stare molto al sole o vicino ad una fonte di calore asciugherà il naso del tuo cane.
Alla base di tutto e come condizione essenziale ed imprescindibile ci deve essere la corretta idratazione del tuo compagno.
Acqua pulita a disposizione e la giusta alimentazione sono i compagni ideali per la salute del tuo cane.
Sono i compagni ideali per la sua corretta idratazione.
La base fondamentale per avere un cane sano, è un cane ben alimentato e ben idratato.

Scopri i 4 segreti per rallentare il tuo cane quando mangia!

Il tuo cane è un’aspirapolvere?
Se il tuo cane mangia troppo velocemente potrebbe andare incontro a qualche problema.
Vediamo perché.
Per prima cosa, il cibo così ingerito dal tuo amico a quattro zampe non riuscirà ad essere digerito nel modo corretto causando problemi nell’assorbimento delle sostanze nutritive o meteorismo o ancora problemi nella consistenza delle feci.
Inoltre, potresti riscontrare episodi di rigurgito o vomito.
Infatti, quando lo stomaco del tuo cane riceve cibo in tempi molto brevi, reagisce cercando di espellerlo, generalmente già dopo pochi minuti dal termine del pasto.
A lungo andare, il vomito può creare delle alterazioni dello stomaco e dell’esofago, favorendo la comparsa di gastrite e reflusso gastro-esofageo.
Ed ancora, la velocità del tuo cane nel mangiare può ritardare il raggiungimento del senso di sazietà.
Ma non solo.
Se il tuo cane è un’aspirapolvere con il cibo rischia una torsione dello stomaco.
Quando il tuo cane mangia ad una velocità eccessiva rischia di riempire il suo stomaco di aria, fluidi e cibo poco masticato, causando si ha quindi una dilatazione della cavità dello stomaco.
E’ proprio con la dilatazione che si crea il pericolo, perché lo stomaco può ruotare sul suo asse (torsione) e chiudere ogni accesso all’intestino.
Capirai bene quanta importanza ha che il momento del pasto per il tuo cane sia tranquillo, senza eccitazione e questo ancora prima di mettere la ciotola per terra.
Come poter vivere serenamente questo momento?

Offri al tuo cane un numero di pasti superiore a due suddividendo la quantità giornaliera in più riprese.
Lo aiuterai a metabolizzare meglio i principi nutrizionali del suo cibo e raggiungere il senso di sazietà.
- Solleva un po' la ciotola del suo cibo, aiuta a ridurre la quantità di aria che ingerisce.
- Poggia la ciotola solo dopo che si è calmato.
E se ancora non basta...
- Metti al centro della ciotola una pietra molto grande così che il tuo amico cercando di evitarlo per mangiare rallenterà i tempi di ingestione del cibo.
- La giusta quantità del cibo che giornalmente gli dai e la sua qualità sono una risorsa impareggiabile.
Un cibo sano, equilibrato e di qualità permette una digestione ottimale e un’assunzione dei principi nutrizionali corretta… oltre che una
risposta equilibrata dell’apparato digerente.
Il momento del pasto è un momento molto importante e la scelta del cibo più giusto segna il benessere del tuo cane.
Il benessere del tuo cane è nelle tue mani.
Tu puoi fare sempre la scelta più giusta per il tuo compagno.

Perchè è importante la vitamina D?

Sapevi che la vitamina D è in stretta relazione con la salute del tuo cane?
Seguimi e scopriamo perché.
La vitamina D è fondamentale nella regolazione di calcio e fosforo, entrambi elementi che contribuiscono alla salute delle ossa, dei denti, delle articolazioni ma anche dei muscoli e del sistema nervoso.
La fonte più naturale di vitamina D per tutti gli animali è la luce dal sole, però il tuo cane non è in grado di sintetizzare la vitamina D in modo efficiente come fa il tuo organismo, per cui è necessario che sia integrata nella sua dieta.

Infatti, nonostante il tuo cane raccolga gli effetti benefici della luce del sole leccandosi il suo manto che proprio grazie al sole produce degli oli contenenti vitamina D, la quantità di questa vitamina che così assume è troppo poca.
Vediamo meglio a cosa serve la vitamina D per il tuo cane:
1. corretta mineralizzazione delle ossa
2. mantenimento di un’adeguata massa ossea e l’integrità dei denti
3. benessere dell’intestino
4. benessere dei reni
5. cuore
E in ultimo ma di certo non per importanza
6. relazione tra vitamina D e malattie infettive: livelli adeguati di vitamina D determinano un aumento della risposta immunitaria dell’organismo
E’ evidente come la giusta quantità di vitamina D nell’organismo del tuo cane sia fondamentale per la sua salute ed il suo benessere.
Ma come fornire la giusta quantità di questa vitamina al tuo cane?
Con la giusta alimentazione.
Un’alimentazione sana e bilanciata che contenga tutto il corredo necessario al benessere del tuo compagno.
La salute del tuo cane dipende da te!

I cibi tossici

I cibi tossici per il tuo cane.
Sai che ci sono dei cibi che possono essere tossici per il tuo cane?
Scopriamo quali sono.
E’ bene, però, fare una premessa: tolti i veleni, ogni alimento commestibile non è di per se pericoloso tranne che non venga assunto in quantità tali da diventare tossico.
E allora vediamo di quali alimenti si tratta:
• Alcool
Tutte le bevande alcooliche sono tossiche per il tuo amico e questo perché a livello epatico non riescono a metabolizzare i suoi componenti
• Pane e pasta lievitata cruda
Questo alimento è possibile che fermenti all’interno dello stomaco e che di conseguenza possa farlo gonfiare con il rischio della torsione gastrica, inoltre la presenza di lieviti può dare altri problemi a livello cutaneo.
Raramente può essere dato solo se il pane è secco.
• Carne di maiale e cinghiale
E’ una carne da evitare se cruda, potrebbe causare spiacevoli conseguenze.
• Ossa
Le ossa, di qualsiasi animale, vanno sempre consumate crude. La loro struttura, dopo la cottura cambia, diventando di fatto una possibile minaccia di perforazione soprattutto per l’intestino.
• Insaccati vari
Contengono sia troppo grasso che troppo maiale crudo e troppe spezie.
• Salmone crudo
Il salmone deve essere cotto bene per evitare il rischio di malattie come la salmonella
• Caffè, te, cacao e cioccolato
Qui troviamo la teobromina che si rivela tossica in base alla dose che il tuo cane assume.
• Pomodoro verde e patata crude.
Se crudi questi alimenti sono tossici perché contengono la solanina. Una volta cotti la solanina scompare.
• Broccoli
Contiene una molecola irritante per le mucose dell’intestino
• Melanzane
Contengono la solanosina, simile alla solanina, che può essere tossica in dosi elevate.
La solanosina si trova soprattutto nella parte verde della melanzana e nella buccia.
• Uva e uvetta.
Nonostante il meccanismo per cui è tossica non è molto chiaro, può provocare sintomi legati alla insufficienza renale
• Nocciolo della frutta
In generale, escludendo alimenti ben precisi, la frutta non è tossica, però senza nocciolo.
Il nocciolo se intero potrebbe provocare ostruzione intestinale e se masticato potrebbe rilasciare sostanza che a contatto con i batteri intestinali si trasformano in cianuro
• Sale e snack salati
Un consumo eccessivo di sale può essere dannoso per il tuo cane.
• Cipolle e aglio
Tossiche se per il tuo cane perché contengono tiosolfato.
La salute del tuo cane parte da quello che mangia.
La sua alimentazione deve essere sana, completa e varia e nel rispetto della sua natura.
La scelta della sana alimentazione dipende da te.

Sottopeso

Il tuo cane è troppo magro.
Che cosa fai quando il tuo cane è troppo magro per fargli prendere peso?
Il giusto peso per il tuo cane è molto importante.
Rappresenta un equilibrio fondamentale per il suo benessere e per garantirgli salute e una lunga vita.
Non solo l’obesità è un problema per il tuo amico a quattro zampe ma anche la sua eccessiva magrezza.
E allora che fare?
Il primo passo è accertarsi che non vi siano cause patologiche.
Il passo successivo è un’attenta analisi della sua alimentazione:
1. La sua alimentazione deve essere basata su proteine di prima scelta, essere sana, bilanciata, altamente digeribile e priva di additivi chimici.
2. La dose giornaliera del suo cibo deve essere proporzionata all’età, alla taglia e alla sua attività fisica
3. Dividere in più pasti giornalieri, anche quattro, gli permetterà di digerire meglio e metabolizzare in maniera ottimale i principi nutritivi dell’alimentazione che hai scelto per lui
4. Fare attività fisica che gli permetterà di aumentare la sua massa muscolare
5. Aumenta la dose giornaliera del suo cibo in maniera graduale in modo da non sovraffaticare il suo apparato digerente
6. Fai in modo che nella sua dieta ci siano cibi ricchi di vitamina B
7. Aggiungi cocco o olio di cocco nella sua ciotola. Lo aiuterà a combattere le infezioni e rafforzerà il suo sistema immunitario. Inoltre, il cocco contiene albumina che è una proteina presente in molti tessuti muscolari. Ed ancora migliorerà il suo metabolismo!
E allora…… la ciotola del tuo amico ti attende!
La sua salute e il suo benessere dipendono da te.

Sai come tenere puliti i denti al tuo cane?

I denti puliti per il tuo cane sono sinonimo di benessere… del suo benessere.
Allora vediamo perché e come fare.
La bocca del tuo cane è il posto dove una vasta popolazione batterica crea una patina sui suoi denti che con il tempo si solidifica e si stratifica fino a creare il tartaro.
La sua presenza eccessiva può portare a svariate patologie.
E allora che fare?
Primo passo una corretta alimentazione.
Corretta alimentazione significa: di prima scelta, costruita intorno ad una proteina animale di qualità e nelle giuste quantità, preparata con basse temperature così da non perdere tutti i principi nutrizionali, arricchita da una serie di alimenti scrupolosamente scelti che possano fornire al tuo compagno a quattro zampe le giuste quantità di vitamine, omega 3, omega 6, probiotici e tanto altro che possa dargli il benessere che cerchi per lui.
Una corretta alimentazione, inoltre, deve avere un basso contenuto di carboidrati ( zuccheri semplici e complessi), perché i batteri si nutrono principalmente di carboidrati.
I mangimi secchi estrusi, soprattutto quelli di scarsa qualità, hanno sempre una alta percentuale di carboidrati e quindi posso creare terreno fertile alla formazione della placca.
Secondo passo: contrastare la formazione di placca
Uno dei modi per pulire i denti del tuo cane è dargli, come snack, degli alimenti che possano avere un’azione pulente, inducano il tuo amico a masticare e alzino leggermente il ph della sua bocca in modo da ridurre la carica batterica nociva.
E allora:
• Finocchi
• Carote
• Zucchine
• Mele
L’importante è sempre non esagerare con le quantità e rispettare sempre l’età, il peso e l’attività del tuo cane.
Ricorda sempre: LA SALUTE VIEN MANGIANDO!

I calli del gomito

I calli del gomito.
Cosa sono i calli e cosa puoi far per il tuo cane.
I calli sono un ispessimento del tessuto di una zona del corpo del tuo cane.
Una delle parti del suo corpo dove solitamente si forma è all’altezza del suo gomito.
Nella fase iniziale noterai un diradamento del suo pelo, poi il colore della sua pelle diventerà più scuro e a quel punto inizierai a vedere il callo.
I calli sono sicuramente il risultato di un meccanismo di difesa dell’organismo del tuo amico a quattro zampe per proteggere l’osso da continue sollecitazioni da contatto.
Infatti, sdraiandosi su superfici dure, il tuo cane esercita una pressione continua sui gomiti, e questo a lungo andare comporta un lento e progressivo ispessimento della pelle per proteggere l’osso sottostante.
Il risultato sarà che il pelo si dirada e cade, e la superficie diventa ruvida e spessa.
Le razze grandi e/o pesanti sono più soggette all’insorgenza dei calli ai gomiti in considerazione del peso che viene esercitato proprio sui gomiti. Invece i cani con il pelo folto avranno meno problemi perché il loro folto pelo ammorbidirà il colpo del gomito sul terreno.
I calli del gomito in alcuni casi può favorire l’insorgere di ulcere e infezioni, senza contare che possono rompersi e sanguinare.
Allora che fare?
1. Tieni sotto controllo il peso del tuo cane.
Una corretta alimentazione ti aiuta sia a mantenere il peso ideale del tuo cane, così da ridurre la sollecitazione ai gomiti, che a favorire la giusta idratazione dei tessuti e il loro giusto nutrimento.
2. Controlla la pelle del tuo cane
Controllando le zone sottoposte a sollecitazione potrai intervenire all’insorgenza dei primi calli
3. Balsamo idratante
L’applicazione giornaliera di una crema emolliente aiuterà il benessere del tuo cane
Il benessere e la salute del tuo cane sono sempre al primo posto!

L'otite

Sai cosa è l’otite nel tuo cane?
Scuotimento della testa, andatura con il capo inclinato, prurito, dolore, maggiore produzione di cerume, cattivo odore.
Questa è quello che succede quando il tuo cane soffre di otite.
L’otite è una infiammazione del canale auricolare del tuo cane che si può verificare in diverse parti dell’orecchio del tuo compagno: otiti esterne, otiti medie e otiti interne, a seconda della parte dell’orecchio che interessano (esterno, medio o interno).
L’otite può essere causata da un’eccessiva esposizione alla polvere, da corpi estranei o da contaminazione con muffe o batteri che possano dare vita ad infezioni.
Anche la presenza di cerume, o la sua produzione eccessiva, può degenerare in otite.
Una eventuale otite andrà trattata in modo mirato al fine di eliminare la causa primaria, le infezioni andranno individuate e curate e reso il canale uditivo pulito e asciutto
E allora che fare?
• Pulire quotidianamente il padiglione esterno delle orecchie del tuo amico a quattro zampe.
• Ispezionare bene le sue orecchie al rientro da passeggiate tra erba alta e secca
• Identificare all’insorgere dei primi sintomi una ipotetica otite
• Scegliere la giusta alimentazione
Importante è sia prevenire le otiti che evitare le ricadute.
La scelta della giusta alimentazione è estremamente importante perché ha un ruolo definito sia nella prevenzione che come alleata per la risoluzione e la cura dell’otite stessa.
Un’alimentazione che deve essere basata su una materia prima di ottima scelta e non frutto di allevamenti intensivi, che mantenga tutte le proprietà nutritive, che sia biodisponibile, che sia altamente digeribile, che sia un’alimentazione completa e priva di additivi ed integratori chimici.
Un’alimentazione sana e completa che sia di nutrimento e fonte di salute e benessere.
La salute del tuo cane dipende da te.
Il suo benessere è nelle tue mani.
Vuoi sapere di più?

L'olio di cocco

Sai come regalare i benefici dell’olio di cocco al tuo cane?
La natura, nella sua grande generosità, ti regala i segreti per il benessere del tuo cane.
L’olio di cocco è proprio uno di questi.
E’ un alimento eccezionale e ha parecchie proprietà benefiche, andiamole a scoprire.
L’olio di cocco migliora lo stato di salute del tuo cane partendo dal suo manto, passando attraverso il suo peso ed arrivando alle sue abilità cognitive.
E’ ricco di acidi grassi saturi, vitamina E, vitamina K e alcuni minerali tra cui il ferro.
E allora scopri quali sono i benefici che offre al tuo cane.
• Aiuta a combattere l’alito cattivo.
• La sua presenza nella sua dieta renderà il manto del tuo amico a quattro zampe più sano e lucido.
• Applicato sulla zona interessata aiuterà a combattere la pelle secca.
• Rinforza il suo sistema immunitario.
• Aumenta la protezione contro alcuni parassiti.
• Ha proprietà antimicotiche e antibatteriche su piccole ferite.
• Rallenta l’invecchiamento della pelle del tuo compagno.
E se tutto questo non ti dovesse bastare c’è ancora di più:
• E’ una fonte di energia immediata, ideale quando ti serve qualcosa che faccia stare meglio il tuo cane se debilitato o affaticato.
• Protegge dall’insorgere di malattie ed è indicato nei casi di deficit cerebrali come ad esempio la demenza senile.
• È un ottimo antiossidante grazie alla presenza di polifenoli
• La presenza di acido ialuronico lo rende un perfetto antivirale
• Regola l’intestino e combatte la presenza di alcuni parassiti.
• E’ un ottimo alleato in caso di zampe e cuscinetti infiammati
Si. Hai letto bene. L’olio di cocco è un vero toccasana per il tuo cane.
L’olio di cocco è un alimento sano e utile.
La salute del tuo cane passa per la sua alimentazione.

La lingua

La lingua del tuo cane: il suo ruolo nella sua vita.
La lingua del cane serve a tante cose. A mangiare e bere, a inghiottire, e persino a dare sollievo nelle giornate di caldo torrido
Vediamo con ordine.
La lingua è un muscolo controllato da nervi e ricco di vasi sanguigni.
La superficie superiore è chiamata dorso ed è attraversata da una scanalatura che la divide in due metà simmetriche.
Un piccolo osso a forma di ferro di cavallo, osso ioide, collega i muscoli linguali alla base della bocca.
È importante nei movimenti della lingua e nella deglutizione.
E il suo ruolo?
TERMOREGOLAZIONE!
Normalmente il tuo cane respira attraverso il naso, ma quando ha bisogno di abbassare la sua temperatura corporea respirerà dalla bocca. Infatti, quando il tuo cane tira fuori la lingua mette in atto un meccanismo di ventilazione che permette di regolare la sua temperatura interna essendo insufficienti le sue ghiandole sudorifere a svolgere questo ruolo.
Attraverso la lingua il tuo cane normalizza la sua temperatura corporea, rilascia calore oltre ad inalare aria fresca
DISPOSITIVO DI PULIZIA.
Il tuo cane può utilizzare la sua lingua, oltre che a pulire il pelo, anche per rimuovere lo sporco da una ferita.
IDRATAZIONE
Raccoglie l’acqua come se fosse un mestolo che dopo averla presa velocemente la porta alla bocca.
Un vero spettacolo della natura!!
INDICATORE DI SALUTE.
Il suo colore è un chiaro indicatore della salute e del benessere del tuo cane.
GUSTO.
La lingua del tuo cane ha circa 1700 papille gustative, sicuramente di numero inferiore di quelle che hai tu, e si trovano nella parte superiore della lingua.
E’ dimostrato scientificamente che il tuo cane distingue tra dolce salato amaro e acido, anche se il gusto è il senso meno sviluppato del tuo amico a quattro zampe.
In ultimo ma di certo non per importanza: COMUNICAZIONE
La lingua è una parte molto sensibile e viene utilizzata per la comunicazione.
La lingua è un organo molto importante e merita, come muscolo ed insieme di nervi e vasi sanguigni, di ricevere i necessari principi nutrizionali per il suo benessere e la sua vitalità al fine di svolgere al meglio tutte le sue funzioni.
Conoscere il tuo cane, la sua natura è la strada per arrivare al suo benessere.
La salute del tuo cane passa per la sua alimentazione.

L'inverno

La relazione tra il tuo cane e l’inverno.
La temperatura si sta facendo via via più rigida e con l’arrivo della stagione invernale l’attenzione deve essere alta per il benessere del tuo cane.
Sicuramente ogni cane ha le sue esigenze perché ogni cane fa sempre storia a se, ma importante è sempre conoscere e rispettare le esigenze del tuo compagno a quattro zampe.
Il primo passo è sapere che anche il tuo cane come te sente il freddo, anche se non con la stessa intensità.
I cani però percepiscono l’abbassarsi della temperatura in maniera diversa in base alla loro taglia e al loro pelo:
• Quelli di taglia grande mantengono il calore per più tempo grazie alla maggiore massa corporea
• Le taglie più piccole, le razze con il pelo corto e i cani che non hanno particolare massa corporea percepiranno il freddo in maniera più intensa
La natura non ha dotato tutti i cani della stessa capacità di sopportare il freddo
Alcune razze sono in grado di affrontare meglio la stagione più fredda anche grazie al folto pelo e alla corporatura altre invece sono inadatte
Allora che fare?
Puoi aiutare il tuo cane a vivere meglio l’abbassarsi della temperatura con una cura e un’attenzione costante
• Spazzolandolo con regolarità
Il suo mantello è in prima linea per la sua difesa verso il freddo. Spazzolandolo stimolerai la sua circolazione sanguigna e sosterrai un adeguato rinnovo del sottopelo
• Tieni ben curato il pelo intorno ai polpastrelli delle sue zampe
• L’alimentazione
Come miglior alleato per vivere al meglio la relazione del tuo cane con il freddo c’è l’alimentazione.
Il tuo fedele compagno possiede una zona che viene chiamata di “benessere termico” e che si colloca tra i 15 e i 25 gradi. Quando vive in questa forbice non si deve difendere da caldo o freddo, invece quando la temperatura esterna esce da questi margini inizia il consumo energetico.
Un’alimentazione completa, sana ed equilibrata, con le giuste quantità dei principi nutrizionali e che questi principi siano biodisponibili è quello che gli fornisce la giusta riserva di energie per sostenere il suo sistema immunitario e affrontare qualsiasi situazione.
La giusta alimentazione per il tuo cane fa la differenza.
La giusta alimentazione è fonte del benessere e della salute del tuo cane.

La coda

La coda del tuo cane: ecco perché conoscerla a fondo.
Conoscere la coda del tuo cane è importante.
E’ bellissima e ricca di innumerevoli funzioni di grande valore.
Il tuo cane usa la sua coda per comunicare, come timone, per bilanciare il suo corpo durante i movimenti le corse e i salti.
Il tuo cane usa la sua coda per spargere il proprio odore.
Ma non è ancora tutto.
Alcuni muscoli alla base della coda sono coinvolti nel controllo dell’intestino e della vescica.
Allora vediamo come è fatta la coda del tuo cane.
E’ un’appendice situata alla fine del dorso del tuo cane, tra i suoi glutei, ed è composta da vertebre coccigee con numero variabile in base alla lunghezza della coda (5… 22).
E’ parte dello scheletro, infatti è la parte estrema della colonna vertebrale.
La coda del tuo cane è irrorata da arterie ed è innervata da nervi provenienti dall’estremità del midollo.
E’ ricoperta da pelle e da pelliccia, come il resto del corpo, e sotto la pelle ci sono vasi sanguigni, tessuto connettivo ed una serie di muscoli.
Ecco la coda del tuo cane è proprio complessa ed importante.
Le ossa, il tessuto, i muscoli e i vasi sanguigni della coda, singolarmente e nel loro insieme, per svolgere appieno le loro funzioni devono godere di ottima salute e la salute, la salute del tuo cane, parte dalla giusta e corretta alimentazione.
Solo una alimentazione di prima qualità, sana equilibrata e biodisponibile fornisce al tuo cane i nutrienti necessari per benessere e salute.
La scelta è nelle tue mani.

Etichette

L’importanza della lettura delle etichette.
Leggere le etichette è molto importante, perché ti permette di scegliere, tra una moltitudine di offerte, il cibo che cerchi per il tuo cane.
Scegliere un cibo di qualità per il tuo cane è fondamentale per proteggere la sua salute.
In primis è bene che tu sappia che non sempre troverai indicato nell’etichetta la metodologia di preparazione.
La dicitura di croccantini estrusi o pressati a freddo non è imposta dalla legge, ma come sai la differenza è rilevante.
L’utilizzo di una temperatura notevolmente differente, infatti, fa si che nel primo procedimento indicato i principi nutrizionali vadano dissolti, mentre questo non succede nel secondo.
Nelle etichette troviamo: ingredienti, tenori analitici, additivi.
Andiamo per ordine.
GLI INGREDIENTI
Gli ingredienti sono indicati in ordine decrescente (dal maggiore al minore) considerando le quantità inserite nell’alimento.
L’ingrediente al primo posto sarà quello con la quantità maggiore.
La quantità (percentuale) per legge non deve essere indicata, tranne per quella caratterizzante l’alimento completo.
L’ingrediente principale per l’alimentazione del tuo cane deve essere la carne o il pesce.
Questo perché il tuo cane è un animale carnivoro, quindi in primis va rispettata la sua natura al fine di preservare la sua salute.
La carne ( o pesce) deve essere di prima qualità.
Leggere “carne” non è sufficiente.
La carne (o pesce) può essere fresca o disidratata e ciò significa che la prima contiene il 70% di umidità mentre la seconda solo il 15%. Questa umidità nel processo di elaborazione dell’alimento verrà persa.
Ne consegue che la lettura degli ingredienti in ordine decrescente andrà di fatto ad essere modificata, facendo scivolare l’alimento presunto principale in un’altra posizione.
La posizione sarà notevolmente più bassa se alla prima lettura avevi visto “fresca”.
Ed ancora.
In una dieta equilibrata dovrai trovare oltre alle proteine anche una percentuale di verdure e carboidrati
I carboidrati vanno demonizzati solo quando sono in alte percentuali e quindi quantitativi eccessivi rispetto alla carne
Qualche parola sui dati analitici additivi.
I dati analitici sono i valori di analisi chimica dell’alimento riportati in percentuale.
PROTEINE GREZZE
Rappresentano la quota proteica. Più basso è questo valore, peggiore è la qualità dell’alimento.
CENERI GREZZE
Indicano i sali minerali presenti nell’alimento.
La carne è ricca di sali minerali e tanto più è alta la sua qualità tanto più è alto il valore delle ceneri.
Una corretta proporzione tra le due voci è molto importante.
GRASSI GREZZI
Rappresentano le fonti energetiche dell’alimento per il tuo cane.
Un’alimentazione di ottima qualità, sana, bilanciata e digeribile è la strategia corretta per preservare la salute del tuo cane e la lettura delle etichette è lo strumento per la giusta scelta.
Ora tocca a te.
La salute del tuo cane è nelle tue mani.
Vuoi saperne di più?
Scrivi una mail a staff@empathydog.com

E' guerra all'irrancidimento, sconfiggiamolo insieme!

L’irrancidimento delle crocchette 😟😟😟
Conosci questo fenomeno??? 🤔🤔🤔
Sai quali sono le conseguenze che può portare alla salute del tuo amico peloso?!??! 🙄🙄🙄
Anche se non lo conosci, puoi immaginare che non sia nulla di positivo…😥😥😥
La molecola lipidica reagisce con l’ossigeno dell’aria e si trasforma in una molecola d’acqua. 💧💧💧
Questa parte della molecola è a sua volta reattiva e in grado di “rubare” atomi di idrogeno alle molecole ad esse vicine, scatenando così una reazione a catena. ⛓⛓⛓⛓
Quali sono i pericoli per il tuo cane e per il tuo gatto? 😼🐶
La maggior parte sono caratterizzati solo da un sapore sgradevole (per cui il cane o il gatto, che lo sente, non li mangia!) 👌 👌 👌
Altri sono pericolosi se valutati nel lungo termine:
- la malondialdeide, le aldeidi alfa e beta insature e altre molecole reagiscono con il DNA, diventando così potenzialmente cancerogene.
- gli idroperossidi e i loro prodotti di decomposizione possono danneggiare le membrane cellulari, causando danni ai diversi organi.
- diminuzione del valore nutritivo di diverse proteine a causa della perdita di funzionalità di vitamine liposolubili come la vitamina A che può portare svariati problemi agli occhi, alla pelle, alle ossa e può favorire infezioni.
I pericoli non sono gravi, ma nel lungo periodo possono peggiorare la salute del cane e del gatto e certo non aiutano la ripresa degli animali malati.
Viste anche le semplici precauzioni che si possono prendere per evitare il problema è importante avere alcune piccole accortezze da conoscere per evitare l’effetto a lungo (anzi, lunghissimo) termine di questa reazione chimica.
Come si può evitare l’irrancidimento? 🤔🤔🤔
Molti hanno l’abitudine di travasarle in contenitori più piccoli, magari in plastica, per usarli con più facilità, questo è sbagliato! E’ importante non togliere i croccantini dal loro contenitore di origine, se questo è grande e preferite farlo, abbiate cura di scegliere un contenitore molto spesso, opaco, in modo che la luce non abbia la possibilità di entrare e riporle in un luogo fresco e senza esposizione diretta a luce e calore (meglio non tenerle in cucina vicino al forno ;-).
Ora che sai come conservarle, valuta con attenzione il fattore più importante per la salute, l’equilibrio fisico e mentale e il benessere del tuo cane (e/o gatto):
LA QUALITA’ DEGLI INGREDIENTI E LA MIGLIOR LAVORAZIONE!!!
Scrivimi una mail a staff@empathydog.com e prenota la tua consulenza restano ancora pochi posti, non aspettare e l’avrai in REGALO, perché voglio premiare chi, come te, punta sempre al meglio!!!

Basta, sono stufo...così non si può andare avanti!

Ehi … quante volte hai detto questa frase?
Dai sii serio, sincero ed onesto con te stesso.
Non lo stai facendo per me, lo stai facendo per te, il tuo cane e la sua salute
Almeno una volta questa frase l’hai detta o pensata.
Io l’ho fatto!
Si, l’ho detta e pensata anche io!
Eh già, è proprio così, anche io che ora vivo una situazione magica con i miei cani ho vissuto momenti di sconforto totale ed ero quasi li per mollare.
Poi ho ripensato al motivo che mi ha spinto a voler la mia vita con quella di un cane, ho pensato al suo benessere ed ho pensato anche alla sua serenità e felicità.
In quel preciso istante ho fatto la scelta che finalmente ha portato benessere al mio cane
e ho trovato un alimento sano equilibrato da offrirgli con tutto il mio cuore…
La scelta avviene in un istante e dura per sempre se fatta con il cuore.
Certo per arrivare a questa scelta ho dovuto faticare e vivere situazioni spiacevoli che mi hanno portato a capire cosa gli faceva male …quindi ora benedico anche i momenti bui.
Se tu ora sei qui a leggere questa mail è perché hai vissuto gli stessi, o simili, momenti bui, le stesse difficoltà ma non hai ancora fatto questa scelta.
Io posso parlarti della mia esperienza e di quella di altri persone ma solo tu puoi prendere la decisione e lo puoi fare in un istante.
Questo preciso momento è il momento giusto.
Devi sapere che più rimandi più difficile sarà fare questa scelta.
Devi anche sapere che generalmente le persone prima di fare una scelta devono essere in un punto di non ritorno, un punto di non sopportazione che li spinge a voler cambiare.
Tu in che punto sei?
Che livello di sopportazione hai?
Non voglio che tu decida ora così su due piedi e preso dall’emotività.
Sono sicuro che qualsiasi scelta tu possa prendere sarà per il bene tuo e del tuo cane, so che lo ami e che non faresti mai nulla per nuocerlo
E so che involontariamente lo fai, perchè involontariamente lo facevo anch'io prima di formarmi e sapere come dovevo alimentarlo...ma poi tutto e cambiato e migliorato...
Ie nostre consulenze alimentari personalizzate ti permetteranno di dire addio a tutti quei fastidiosi problemi che ora stai vivendo con il tuo cane.
Ti permetteranno di far vivere un totale benessere al tuo cane e di risparmiare tempo prezioso che potrai dedicare a te e al tuo cane
In fondo è questo che vuoi, vero?
Allora io ti posso aiutare se sei disposto a fare questa scelta importante per il suo benessere

Torsione Gastrica

La torsione gastrica è una malattia in cui lo stomaco dell’animale si dilata e ruota attorno al proprio asse.
Di conseguenza si ha un’occlusione che blocca l’apporto del sangue, compromettendo in maniera gravissima tutto l’apparato gastrointestinale, da questo processo viene coinvolto anche l’apparato cardiovascolare.
Vengono maggiormente colpiti i cani di grossa taglia, come il pastore tedesco, l’alano, il labrador, il san Bernardo, il terranova, il rottweiler e tutte le razze a torace profondo.

ANCHE SE IL TUO CANE NON E’ TRA LE RAZZE PIU’ SOGGETTE SEGUI I NOSTRI CONSIGLI!! 😉😉
COME FACCIO A CAPIRLO?
I sintomi più frequenti sono:
Dilatazione dell’addome
Dolore addominale alla palpazione
Ipersalivazione
Conati di vomito improduttivi
Aumento della frequenza cardiaca
Respirazione affannosa
Irrequietezza accompagnata da guaiti
Assenza o rallentamento della risposta agli stimoli esterni
Collasso
AIUTO COME POSSO FARE??
- Assicurati che il tuo cane stia seguendo (grazie a te 😁😊) un’alimentazione adeguata, cioè che sia prodotta con ingredienti controllati e di alta qualità, che non contenga troppi cereali o altri carboidrati fermentabili, in modo da ridurre i rischi di accumulo di gonfiore di gas nello stomaco.
Elimina dalla sua alimentazione conservanti, emulsionanti, coloranti e qualsiasi altro additivo.
- Dividi il pasto in due o tre porzioni giornaliere , non farlo mangiare solo una volt
a al giorno, passano troppe ore ed il suo stomaco si svuota e i succhi gastrici lavorano inutilmente causando anche iperacidità e disturbi gastrici.
- Non farlo bere troppo dopo o durante i pasti o dopo l’attività fisica, offri dell'acqua in piccole quantità.
- Dopo i pasti è bene ridurre l’attività fisica. (Intendo lunghe camminate in montagna⛰⛰ o ore di corse sfrenate, non preoccuparti se lo porti in passeggiata dopo mangiato.)
- Per evitare che si abbuffi è bene che la ciotola sia alzata da terra in base alla dimensione del tuo cane e se questo non bastasse puoi rendere difficoltosa l’ingestione, in commercio si trovano ciotole apposite.(puoi anche mettere due grosse pietre nella ciotola che già possiedi ed avere lo stesso risultato.)
In conclusione, la sindrome della torsione gastrica è una malattia potenzialmente mortale, quindi se si sospetta che il cane abbia una torsione, occorre portarlo dal veterinario👨‍🔬👨‍🔬🏥.
Fargli seguire una dieta sana ed adeguata è fondamentale, quindi, non rischiare ancora, contattami con un messaggio su questa pagina HEALTHY DOG FOOD e scopri come nutrire al meglio il tuo cane senza rinunciare alla comodità delle crocchette.

La storia di Jasper

Ciao a tutti io sono Jasper e sono appena arrivato nel branco di Empathydog!
Sono nato a Luglio del 2010 e dopo esser cresciuto con la mamma e con i miei fratelli sono stato accolto dal mio nuovo branco umano una giovane coppia che mi aveva scelto perché a lui piaceva la mia razza.
All’inizio è stato bello vivere con loro perché si prendevano cura di me e mi dedicavano del tempo!
Ma poi io crescevo ed avevo bisogno di più tempo e di attenzioni, mi sarebbe piaciuto correre fare attività sportive e sempre esperienze nuove!!
Dopo aver seguito un corso di puppy class con la mia educatrice e con la mia mamma umana queste uscite erano sempre solo con il guinzaglio e le attività che facevamo insieme non mi davano molti stimoli.
Io vivevo in un alloggio con un piccolo giardino a disposizione e mi era stata lasciata sola la cucina come area del pasto e del riposo e non ho mai avuto un piccolo cuscino dove io potevo riposare tranquillo!
Dopo la prima esperienza con la mia educatrice, i miei genitori umani decisero di portarmi di nuovo da Stefania perchè li aiutasse a vivere meglio il momento della passeggiata e per non farmi correre dietro ai camion!
Con i cani vado d’accordo ma avevo un’altro desiderio : quello di correre libero e fare qualsiasi attività stimolante e impegnativa!
Ma i miei compagni umani non avevano voglia nè tempo!
Dopo la nascita del primo figlio i miei genitori umani erano sempre impegnati ed allora decisero di portarmi in campagna dal nonno che aveva tanto spazio, lì potevo finalmente correre libero!!
All’inizio mi piaceva anche se avrei preferito stare a casa mia ad aspettare il rientro della mia famiglia per poter godere del loro amore.
Ormai le mie giornate trascorrevano sempre nello stesso modo ed io avevo bisogno di divertirmi, fare esperienze nuove …sono pur sempre un cane da lavoro!!
Quel poco di tempo che il mio papà umano aveva era la domenica quando andava a correre e a me sarebbe piaciuto tantissimo andare con lui ma.. non mi ci ha mai portato.
Anche se la vita non mi stava dando piaceri enormi nella mia routine io ci stavo bene…sono un cane ed ho bisogno delle mie abitudini per crearmi la mia tranquillità.
Un bel giorno i miei genitori umani decisero di vendere casa, che aveva un minuscolo giardino anche per me, per andare a vivere in un appartamento perché di li a poco sarebbe nato un cucciolo di uomo.
Intanto il nonno si era stufato di me perché combinavo qualche marachella … aveva così deciso di rinchiudermi in un recinto tutto il giorno.. e quando ero in casa lo zietto mi rincorreva intorno al tavolo ed io scappavo impaurito!!
Così la mia vita era diventata un inferno!
Non avevo attenzioni, non potevo imparare cose nuove, non potevo stancarmi fisicamente ed ero anche tenuto in trappola… certe cose ho voluto dimenticarmele perché sono stato tanto deluso e spero di non essere stato anche picchiato!!
Arriva il giorno in cui mi devo trasferire ed abbandonare la mia casa per andare dalla mia educatrice Stefania che già avevo conosciuto quando ero piccino…
Per fortuna lei con me è tanto brava ed è attenta ai miei bisogni!!
Purtroppo però lei non mi può tenere e così devono cercarmi qualcuno che voglia prendersi cura di me ed amarmi!!
Dopo aver scelto con cura la famiglia, anche se con qualche remora da parte di chi si occupava dell’ affidamento, sono stato adottato da una famiglia di signori che avevano già una borderina e molto spazio per farmi correre!!
Passano gli anni e le mie paure e problemi non cambiano, anche se con il mio nuovo papà sto bene e lo amo!
Un giorno purtroppo per problemi di incomprensione tra me ed il mio papà umano è successo un incidente che ha fatto si che non fossi più il benvenuto….
Purtroppo io non mi ricordo bene come sia andata e non potrei neanche raccontarlo a parole…da quella sera è stato tutto un susseguirsi di avvenimenti…i ricordi si mischiano alla paura e il ricordo mi fa ancora tanto male..
Purtroppo il distacco dalla mia famiglia è stato immediato e doloroso ma nel male sono tornato dalla mia amica Stefania che con i suoi cani mi ha fatto sembrare meno doloroso il momento.
La mia vita però era segnata da un tragico destino.
Sarei dovuto finire in mano ad un veterinario comportamentalista che mi avrebbe chiuso in box e mi avrebbe fatto trascorrere così i miei giorni.
Però io questo non lo sapevo.
Per me si sono attivate molte persone, per cercare di trovarmi una degna casa prima di farmi finire in quella prigione dalla quale non sarei più uscito e non mi sarei mai più ripreso emotivamente!!
Per fortuna la tenacia di Katia e di Stefania hanno fatto si che questo non sia accaduto!
Loro mi sono state vicino sempre e per questo le amerò per tutto il resto della mia vita!!
Ma finalmente per me è arrivato il momento di prendere una strada nuova che mi farà trovare tanto amore e tutte le attenzioni di cui ho bisogno!!
Oggi, domenica 8 gennaio 2017, salgo per l’ultima volta sulla macchina di Stefania ed i suoi adorabili cani e mi dirigo, a mia insaputa, a Milano dove ad attendermi c’è Katia nel suo centro Border Angel’s e Collie Rescue.
Li abbiamo un appuntamento con Morfeo, Trinity, Willy , Elisa e Christian!!!
Sento che parlano tanto di questa cosa al telefono ma purtroppo non capisco tutto ciò che dicono.
L’unica cosa che riesco a capire sono le sensazioni e le emozioni che ci sono nell’aria…questa volta per me sarà la famiglia giusta e quella definitiva!!
Arriviamo al campo tutti insieme e ci fanno scendere in una zona a noi dedicata per conoscerci e capire se davvero sarà una bella convivenza!!
Come entrano in campo vedo Morfeo, lui è il primo ed il più veloce nel fare conoscenza anche se poi si gira, mi ignora e si da subito da fare ad annusare l’odore degli altri cani che sono passati di qua!!
Poi entra Trinity la bella e dolce borderina di casa e dal primo sguardo capisco che è lei a dirigere l’orchestra in questo branco!!
Ecco poi spuntare da dietro un mattone Willy un piccolo meticcio tutto fulvo che con entusiasmo mi corre incontro per salutarmi e fare subito conoscenza!
Sono tutti belli e bravi a parte Morfeo che ogni tanto cerca di farsi valere su di me montandomi, lo lascio fare perché ho visto che in fondo è buono e poi è un maschietto come me….un po scemino!!
Ecco che finalmente arrivano anche Elisa e Christian!!
Loro saranno le persone che si prenderanno cura di me per il resto della mia vita!!
Vedo Elisa lei è bella , buona e con due occhioni dolci e cerca subito di farmi capire che di lei mi posso fidare e che è qua per aiutarmi a stare meglio e vivere felice!!
Le danno qualche bocconcino perché così per me è facile avvicinarmi a lei in più io sono un golosone e lo dimostra anche il fatto che sono qualche chilo in sovrappeso…
Ma questo sento che sarà solo più per un periodo perché con quei due border che sono in super forma ci sarà da muoversi parecchio!!
La cosa già mi piace!
Per ultimo noto Christian lui mi da l’impressione di essere un tipo tosto che non si farà scoraggiare tanto facilmente dai problemi che mi hanno causato da piccolo e mi aiuterà a superarli nel migliore dei modi.
Sento che parlano tra di loro e che rassicurano Stefania e Katia dicendo loro che questa volta non avrei mai più cambiato famiglia e che mi avrebbero fatto lavorare con le pecore e con Graeme Sims loro istruttore e grande amico!
Sento un’energia diversa, particolare ed unica!

Questa volta sarà quella buona!!
Oggi è il giorno uno della mia nuova vita in questa casa ed ho già fatto 4 passeggiate, ho imparato a camminare sulla passerella e sono stato libero di correre nel prato insieme ai miei nuovi amici!!
Ora sono molto stanco e mi vado a riposare, nei prossimi giorni vi racconterò le novità e cosa ho imparato di nuovo…per adesso vi saluto e vi auguro buona notte!! “
Ehi sono passati più di due anni da quando sono arrivato in questo fantastico e un pò pazzerello branco e ci tengo a raccontarvi le mie novità che magari puoi aver letto tramite la pagina Facebook di Empathydog

Che cos'è per te la felicità

Che cos'è per te la felicità?

Come la puoi associare alla vita con il tuo cane o al rapporto con lui?
Domanda semplice ma che a volte comporta non poche difficoltà!
In questi giorni mi sono preso qualche del tempo proprio per pensare, ragionare e riflettere su questo argomento.
Ovviamente non è facile neanche arrivare ad una conclusione perché ognuno di noi ha una propria percezione di felicità, tuttavia non dobbiamo solo ed esclusivamente rapportarla a noi stessi, dobbiamo rivolgerla al cane.
Nel senso che la vera felicità nel rapporto con il tuo cane la puoi avere solo quando trovi un equilibrio, molto sottile e fragile, tra educazione, obbedienza e libertà.
Ovviamente l'amore deve esserci sempre come valore, tuttavia non è sufficiente.
Sai, osservo molto i miei cani mentre siamo a spasso liberi nei boschi e quello che posso comprendere è che loro hanno un equilibrio naturale, riescono ad essere sempre presenti in quello che fanno e non si preoccupano troppo di quello che potrebbe accadere di li a poco.
E' un emozione unica vederli vivere sereni e felici.
E' un emozione unica poter apprendere da loro e vedere allo stesso tempo quanto loro apprendono da te, se sai comunicare correttamente con loro.
Perché un rapporto per essere equilibrato ci deve essere un dare ed un avere, ci deve essere conoscenza profonda dell'altro, ci deve essere gioia e felicità in qualunque momento e ci deve anche essere un pizzico di follia.
Ti sembrerà difficile riuscire a mettere insieme tutte queste qualità ora che non riesce neanche a farti ascoltare per un semplice seduto o che stai vivendo altre difficoltà.
Ti posso capire e ti posso anche aiutare a cambiare questa situazione e cambiare il tuo modo di vedere il rapporto con il tuo cane.
Certo, io ti posso solo mostrare la via, aiutarti passo passo lungo questo cammino, posso sorreggerti quando farai fatica, posso gioire con te quando otterrai dei risultati...tuttavia il primo sforzo lo devi fare tu.
Cioè quello di fare la scelta giusta per te ed il tuo cane abbandono il classico metodo di educazione ed iniziando una nuova vita con il metodo EmpathyDOG.
Ma torniamo per un attimo al concetto di felicità.
Per farti capire che cos'è per me il concetto di felicità e come sono riuscito a vivermelo in totale completezza nel rapporto con i miei cani ti racconto la storia del mio inizio, una parte della storia che forse ho raccontato a pochi.
Come sai ho deciso di prendere un cane perché sentivo che nella mia vita mancava qualcosa...quel qualcosa era qualcuno, era un cane.
Avevo il sogno di condividere con lui la mia vita e la mia passione, cioè la natura, la montagna, la vita semplice ed umile che a volte è piena di difficoltà ma che ti ripaga di tutti i sacrifici che fai se solo riesce ad aprire il cuore alle emozioni vere.
Queste emozioni per me erano e sono date dal semplice camminare in montagna e godermi il canto dei corvi reali, il richiamo delle marmotte, il fischio degli stambecchi per tenerti alla larga, gli uccellini che cinguettano, l'erba bagnata al mattino...
..il sole caldo del giorno, un ruscello che scorre il cui suono ti incanta e ti rapisce, l'aria fresca di una cima con la maestosità del paesaggio che ti regala, la solitudine ma che al tempo stesso solitudine non è, la compagnia dei mie cani che silenziosamente condividono con me ogni singolo passo, ogni goccia di sudore ed ogni respiro sempre più affannato dovuto alla fatica della salita, una notte stellata nella quale ti perdi nel vedere tutti quei luccichii...
...INSOMMA QUESTE SONO SOLO ALCUNE DELLE EMOZIONI CHE PUOI VIVERE E CHE VIVO IN COMPAGNIA DEI MIEI CANI.
Tuttavia ora posso godermi questo semplice ma immenso spettacolo della vita e della natura ma fino a qualche anno fa non era così
Quando è arrivato Morfeo, avevo questo sogno, ma non sapevo come fare per raggiungerlo.
Così mi sono rivolto ai vari centri cinofili della zona senza ottenere nulla di quello che in realtà volevo e desideravo.
Ero riuscito ad ottenere un cane soldatino ma solo al centro cinofilo e con quintali di premi in cibo e con grandi strattonate, in quel momento la mia felicità ed anche quella di Morfeo erano sotto terra.
Non mi sono mai arreso, anche quando non avevo risultati e quando mi sono lasciato trascinare in quel circolo vizioso dei giochetti in stile marionetta.
Ero ad una manifestazione di cani quando ho visto un uomo far fare quei giochini stupidi, che all'epoca mi sembravano fighissimi, tipo saltare sulla schiena, passare sotto le gambe, saltare ne cerchio....
Mi sembrava che quella fosse la strada giusta per rendere felice il mio cane e per essere felice anche io.
In quel periodo sapevo poco di cani e pur vedendo lo sguardo triste di quella povera cagnolina mi ero lasciato tirare da quel tipo di attività.
Avevo iniziato a cercare su internet come poter fare ed avevo anche iniziato a farli con Morfeo.
A volte mi ascoltava e a volte no e quando non ottenevo ciò che desideravo mi sentivo frustrato e questa frustrazione e rabbia ricadeva su di lui.
Morale della favola non eravamo felici quando eravamo insieme.
Più mi accorgevo di questo più mi si spezzava il cuore, vedevo nei suoi occhi una sorta di delusione e me ne rendevo conto.
Anche perché l'unica cosa di appagante per me nel fare quell'attività era di far vedere a parenti ed amici che cosa sapeva fare Morfeo, anche se lui in quel momento non era felice io continuavo a farlo.
In fondo io cercavo solo l'approvazione e qualche gratificazione da parte di amici e parenti.
Quando mi sono accorto che questo non era ciò che desideravo, non era ciò che desiderava Morfeo e non ci faceva bene ho smesso.
Da quel giorno il mio amico peloso ha iniziato a riacquistare luce nello sguardo e felicità nel trascorrere il tempo con me.
Per nostra fortuna, lungo il nostro cammino abbiamo incontrato Monica che mi ha insegnato tutto quello che so sui cani, mi ha insegnato a rispettare la loro natura per renderli felici e sereni.
Ecco perché oggi ho voluto raccontati la mia storia, perché ho la consapevolezza e la certezza che per rendere felice un cane non devi fare altro che lasciargli fare il cane imparando a comunicare secondo le sue esigenze, rispettare i suoi principi fondamentali, amarlo, essere un buon leader e divertirvi insieme.
Semplice non trovi?
Scommetto che la tua risposta è stata un deciso si!!
Allora cosa aspetti per rendere il tuo cane felice e goderti insieme ogni istante, proprio come io faccio con i miei!
Cosa aspetti a diventare sul serio il migliore amico del tuo cane.
Non offenderti, con questo non voglio dire che ora non lo ami, voglio solo dirti che imparando queste competenze lo amerai ancora di più e lui sarà così orgoglioso che lo andrà a raccontare a tutti i suoi amici.
Alla Vostra Felicità
Chris

Amo il mio cane alla follia, mi ascolta ma...

Amo il mio cane alla follia, mi ascolta ma...
se vengono ospiti non lo puoi tenere in casa perché se no li aggredisce?
Può darsi che tu abbia questo problema, come può darsi di no, tuttavia voglio farti riflettere su un concetto molto importante.
Cosa vuol dire avere un cane che ti ascolta e soprattutto come devi fare per aver un rapporto equilibrato.
Alt, prima voglio dirti che non devi smettere di amarlo e coccolarlo, devi solo capire come gestire determinate situazioni per evitare che le abitudini che si consolidano diventano difficile da cambiare.
Seguimi attentamente.
Partiamo dal concetto che un cane può anche ascoltarti, se non ci sono troppi stimoli, ma non vuol dire che sia educato e che tu sappia gestire le varie situazioni.
Perché questo accade?

Partiamo dall'esempio del cane che ti ho fatto all'inizio di questa mail.
Un cane ti può ascoltare e fare alcuni esercizi naturali e semplici per lui come il seduto, il terra... magari sempre e solo perché in cambio ha del cibo e poi quando ci sono situazioni più "complicate" come accogliere un ospite in casa, godersi la pas

seggiata e l'interazione con i suoi simili al guinzaglio tutto diventa dannatamente difficile!

Perché diventa così difficile?
Perché si basa tutta la sua e la tua educazione ad alcuni semplici esercizi, che tra le altre cose il cane sa già fare e tu cerchi solamente di farglieli fare a comando comprandolo con del cibo.
Fino a qui nulla di così sbagliato se non che ne tu e ne il tuo cane riuscite ad acquisire quel rapporto in profondità e quel e quelle competenze tali da saper affrontare i veri "problemi" di una vita quotidiana.
Li chiamo problemi ma in verità sono solo situazioni normali e naturali che si verificano tutti i giorni e che se non gestiti nel modo corretto possono causare serie difficoltà.
Proprio come accogliere un ospite in casa quando il cane diventa aggressivo e sembra che lo voglia sbranare da un momento all'altro.
Perché accade anche se lui ti ascolta e sa fare gli esercizi?
Perché può essere un cane con un carattere forte, può essere capitato mille volte e tu involontariamente hai rafforzato il suo modo di comunicare, perché non rispetti i suoi principi fondamentali ed essenziali e perché, avendo imparato a fargli fare esercizi in modalità soldatino, non sai come gestire questi momenti.
La cosa IMPORTANTE che devi sapere e che sei tu che devi accogliere gli ospiti senza chiudere il tuo cane in un'altra stanza perché non fai altro che peggiorare la situazione.
Certo non è semplice ora che è da tempo che si comporta in questo modo riuscire a cambiare abitudine, tuttavia non è impossibile.
Ti ho detto cosa non devi più fare.
Ora non posso dirti che cosa dovresti fare in una mail, anche perché verrebbe lunga quanto un libro, ma posso dirti le azioni che devi fare.
1 smetti di educare il tuo cane solo con il cibo
2 inizia a vedere il cane come un essere con delle esigenze e con dei bisogni diversi dai tuoi e quindi a creare un rapporto basato sulla conoscenza profonda.
3 conosci ed applica i principi essenziali e fondamentali del cane per saper gestire le varie situazioni della vostra vita senza dover usare sempre e solo il cibo.
4 diventa una guida onesta, coerente ed autorevole per il tuo cane.
Ci sono parecchie cose che devi imparare, tuttavia sono anche molto semplici, perché il cane è un anim
ale semplice e coerente.
Per aiutarti, guidarti e condurti al risultato che desideri da tempo ho creato un video corso di oltre 140 video( in costante aggiornamento), gruppo di supporto su facebook dove io ed il mio staff siamo pronti ad aiutarti e sostenerti e due dirette mensili nelle quali mi puoi fare tutte le domande che vuoi e ti risponderò io personalmente.
Ora non hai più scuse, lo puoi fare da casa, non sei solo e non sei abbandonato a te stesso.
Se vuoi la vita che hai sempre desiderato la soluzione è a portata di click
Alla Vostra Felicità
Chris

Occuparsi o Preoccuparsi Del Cane?

Certo, occuparsi e preoccuparsi possono sembrare termini simili, ma hanno significati completamente

diversi.
Occuparsi significa interessarsi di qualcuno e prendersene cura nella maniera corretta.
Preoccuparsi significa essere apprensivi, stare in ansia, stare in pensiero in misura eccessiva.

Perché oggi voglio parlarti di queste due circostanze?
Perché è giusto che tu capisca che devi occuparti del tuo cane e non preoccuparti di lui come se fosse un
bambino alla scoperta del mondo: il cane è e rimarrà sempre, e per fortuna, un cane.
Il cane è un animale fantastico e come tale deve essere trattato.
Tranquillo, amo i cani, sono tutto il mio mondo, sono tutta la mia vita; non pensare che le mie parole
siano dispregiative.
Il cane è un membro della famiglia, deve essere amato nel modo corretto, educato nel migliore dei modi (la Dog Trainer Academy di Empathy Dog esiste per questo) ma non per questo deve essere considerato
come un figlio da crescere.
Troppo amore dato in maniera errata, troppa preoccupazione inutile vanno inevitabilmente a devastare la
sua natura.
Per non parlare delle troppe attenzioni catastrofiche che, la maggior parte degli esseri umani, riservano ai
loro cani: vestitini ridicoli, soldi spesi inutilmente per compensare chissà quali assurde mancanze,
arrivando a viziarli fino all'inverosimile.
Perché?
Perché, talvolta, l'essere umano vuole saziare il suo inconscio desiderio di maternità o paternità...davvero
assurdo e malato.
Mi piacerebbe davvero tanto se questi umani si pones
sero questa domanda: “ma sono sicuro che il mio
cane vuole essere trattato così?”
La risposta: no e poi no!
Per quanto puoi considerare il tuo cane membro della tua famiglia, non puoi sfuggire al fatto che è pur
sempre un animale e come tale deve essere considerato.
Si tratta di rispettare la sua natura e non pretendere da lui che si comporti come un umano perché sarebbe
limitante per lui.
Per quello che ti dico che è giusto occuparti del tuo cane e dei suoi bisogni anziché preoccuparti del tuo
cane perché, in quel caso, sono sicuro che i desideri che vengono soddisfatti sono i tuoi e non quelli del
tuo cane.
Pensi che il tuo cane si sente a suo agio ad indossare uno stupido pigiamino per la notte?
Pensi che il tuo cane si sente a suo agio ad essere portato a spasso in una ridicola borsetta?
Cavolo, certo che no!
E' un cane, ha un bellissimo mantello che ha una funzione di regolazione della temperatura corporea; è un
cane ed il Signore gli ha donato quattro zampe per un motivo ben preciso.
Occupati di lui e della sua essenza.
E' un cane per fortuna, non sarà mai un umano...questo è un dato di fatto, è scienza, è natura.
Lui vorrà sporcarsi, vorrà giocare, vorrà annusare, vorrà esplorare, vorrà rotolarsi nel letame per coprire il
suo odore, vorrà conoscere i suoi simili, vorrà arrampicarsi, vorrà scavare e chissà quante altre cose vorrà
fare.
E' così che devi occuparti di lui, soddisfacendo i reali bisogni che la sua natura detta e non le tue
mancanze perché il tuo cane non cerca una mamma o un papà: il tuo cane cerca un leader da seguire ed
ammirare.
Devi interessarti della sua salute, sia fisica che mentale, devi somministrargli un'alimentazione sana,
adeguata alla sua natura da carnivoro (Healthy Dog Food), devi dedicargli del tempo di qualità facendo
con lui delle belle e rilassanti passeggiate, devi comunicare con lui nella maniera corretta perché parlare al
tuo cane non serve proprio a nulla.
Ci stanno anche le coccole, certo, fatte per non più di dieci minuti al giorno magari sul pavimento di casa,
ci sta la cura del suo pelo con una spazzolata ogni tanto, ci sta osservare i suoi comportamenti e le sue
abitudini e se proprio qualcosa non ti convince o desta in te sospetti, portarlo dal veterinario.
Molti cani sono soliti mangiare l'erba per purificarsi ma questo comportamento non deve farti allarmare:
conosco persone che, appena il loro cane mangia un ciuffo d'erba, lo portano immediatamente dal
veterinario pensando che possa avere chissà quale strana patologia.
Ciò che vuole il tuo cane è che tu rispetti la sua natura ed i suoi bisogni, non puoi pretendere che lui si
adatti alle tue esigenze.
Ciò che vuole il tuo cane è che tu ti occupi di lui, non che ti preoccupi per lui perché è un essere vivente
forte, sincero, magnifico e che ha molto da insegnarti.
Noi siamo qui per insegnarti ad occuparti del tuo cane!
Alla Vostra Felicità

Le 3 competenze che servono al tuo cane per vivere felice!

Devo essere sincero, ti ho detto una piccola bugia... le 3 competenze prima di "servire" al tuo cane servono a te!
Seguimi che voglio farti capire una cosa davvero importante.
Sono in "vacanza" in provincia di Varese per due giorni prima di partire per Arezzo alla volta del mio stage "il linguaggio Magico Del Cane" e mentre ero a spasso nei boschi ho riflettuto su questo concetto molto importante.
Ovvero le 3 competenze che sono fondamentali per far vivere bene il proprio cane e di conseguenza te.
Prima di tutto voglio elencarti queste competenze e poi svelarti la loro importanza.
La prima competenza è la collaborazione.
La seconda è la comprensione
La terza è la sicurezza.
Mentre ero nel bosco a camminare tranquillamente con i miei 4 border ed una femmina di pastore tedesco sono arrivato alla conclusione che per poter vivere bene con il proprio cane non servono molte altre competenze.
Certo poi queste competenze hanno varie sfaccettature e varie applicazioni, tuttavia queste sono quelle più importanti e fondamentali.
Come sai io sono spesso in giro per l'Italia per stage, seminari, studio e anche per vacanza e con me ci sono sempre i miei cani.
I loro punti di riferimento ed abitudini spesso vengono cambiate proprio per questo tipo di vita che faccio.
Le uniche abitudini che cambio però sono solo i posti in cui dormo, le passeggiate che facciamo ed i luoghi che frequentiamo e di conseguenza le persone che ci abitano.
Mentre osservavo i miei cani e la femmina di pastore tedesco che era con me senza la sua compagna ho potuto notare come queste 3 competenze siano importanti
In qualsiasi posto tu sia, qualsiasi situazione tu stia vivendo devi saper creare una collaborazione con il tuo cane, questo vuol anche dire lasciare un cane libero che non è tuo e sapere che torna e che al tuo richiamo torni(non è importante che lui lo sappia fare perché in quel momento se non ti conosce e non si fida di te difficilmente ti ascolta)
La collaborazioni non la crei con il cibo o con metodi coercitivi ma semplicemente con la comunicazione.
La comprensione è la cosa più difficile da mettere in atto per noi perché vuol anche dire accettare dei comportamenti che per noi non sono sempre così piacevoli come per esempio vedere un cane sguazzare allegramente nella pozzanghera e sapere che quando salirà in macchina e arriverà a casa avrà fatto un disastro...
..il cane ha anche bisogno di questo oltre che cercare di capire fino in fondo il tipo di emozione ed esperienza che sta vivendo in quel preciso momento.
Per ultimo ma non meno importante devi essere sicuro che quello che decidi di fare con il tuo cane lo porterai a termine e saprai gestire ogni situazione.
Sicuramente sbaglierai, come può succedere a me, ma sapere come correggere il proprio errore in tempo reale senza creare inutili condizionamenti è fondamentale.
Ecco perché sostengo e sosterrò per sempre che l'educazione prima di tutto serve a te e poi al tuo cane.
Perché tu devi essere il suo punto di riferimento, il faro nella notte, quella guida amorevole ed autorevole e quell'amico fidato che sa condividere in modo armonioso la ogni istante.
Come fare per raggiungere questo traguardo?
Ho creato per te ed il tuo cane un sistema sicuro che ti porterà ad ottenere i tuoi obbiettivi.
Un sistema fatto di oltre 145 video, di supporto h 24 su Facebook, volendo anche su whatsapp e con delle dirette settimanali.
Questo è l'unico metodo in Italia che ti porta ad educare il tuo cane senza cibo e senza metodi coercitivi.
Entra ora in Dog Trainer Academy io sono qui per guidarti passo passo.

Alla Vostra Felicità
Chris

Abbiamo reso banali i gesti importanti di un rapporto.

Eh si, è proprio come hai letto nel titolo.

Abbiamo reso banale il concetto di libertà, di amore e rispetto a discapito di obbedienza, controllo e dei propri interessi.

Il rapporto con il proprio amico peloso può essere tutto tranne che banale.

Può e deve essere semplice ma non banale e ridicolo.

Purtroppo non è così perché vedo troppi cani sempre ridotti come bambini, chiusi in giardino senza mai uscire, obbligati a fare azioni contro natura... tutto questo solo ed esclusivamente perché non si ammette di aver bisogno d'aiuto e non si vuole ammettere di non conoscere a fondo la vera natura del cane.

Ti dico questo perché ci sono passato anche io anni fa ed ho avuto mille difficoltà

Ecco perché ho creato il metodo EmpathyDOG.

Sono qui proprio per trasmetterti tutte le mie competenze che ho appreso in 7 anni di studio e di attività con oltre 3690 cani!

Se me lo permetti sono pronto ad aiutarti.

Come?

ENTRA ORA IN DOG TRAINER ACADEMY


Jasperino ed i suoi 3 anni con EmpathyDOG!

Sono passati più di 3 anni da quando Jasperino è arrivato nella mia vita ed in quella di empathydog e da quel giorno ne abbiamo fatte davvero tante!

E' arrivato con delle paure, con dei traumi ed ha anche rischiato di venire addormentato per sempre da un iniezione.

Per fortuna questo non è successo.

Ora lui è qui con me che vive una vita dignitosa, una vita da cani, una vita che lo appaga e lo rende felice.

Una vita degna di essere vissuta.

Anche se il suo passato non è stato così felice e facile ora si può godere ogni istante.

Jasperino è un cane fantastico che non ha mai smesso di lottare per ciò he desidera e che si merita: il rispetto, la fiducia e l'amore.

Tra i due quello più fortunato sono stato io.

Grazie amico mio per tutto quello che abbiamo condiviso insieme... ancora tante ne dobbiamo vivere e saranno ancora più emozionanti e spettacolari!

ENTRA ORA IN DOG TRAINER ACADEMY


Rinforzo Positivo

Rinforzo positivo, rinforzo negativo, punizione positiva, punizione negativa…è necessario fare un po’ di
chiarezza per poter capire cosa è meglio utilizzare per educare il cane e per questo ci concentreremo sui
due metodi più utilizzati in cinofilia: rinforzo positivo e punizione positiva.

La parola RINFORZO indica un processo che porta ad aumentare la probabilità di emissione di un
comportamento, andando quindi a dire al cane “questo è il comportamento che voglio che tu faccia”. Il
rinforzo positivo consiste nella consegna di una ricompensa quando l‘animale emette il comportamento
desiderato. Questa ricompensa può essere del cibo, un gioco, una carezza, una parola di lode (bravo) e
presenta una caratteristica saliente, ovvero possiede la massima efficacia se viene somministrato entro 0,5
secondi dal comportamento che si desidera rinforzare.

La parola PUNIZIONE, invece, indica un processo che porta a diminuire la probabilità di emissione di un
comportamento, andando quindi a dire al cane “questo è il comportamento che NON voglio che tu faccia”.

Al seguito di un comportamento indesiderato quindi viene presentato uno stimolo negativo (es. scarica
elettrica, strattonata con il collare a strozzo, etc…).

Le diverse tecniche sono state messe a confronto ed esistono numerosi studi che portano a preferire
l’utilizzo del rinforzo positivo anziché della punizione.

In uno studio condotto da Hiby e collaboratori nel 2004, la punizione fisica nell’addestramento è associata
ad una maggiore incidenza di problemi comportamentali, bassa obbedienza e minore interazione con
sconosciuti. Questo aumento di ansia e dello stress negli animali porta ad un indebolimento del rapporto
proprietario-cane.

L'articolo "Why electric shock is not behavior modification" tratta il tema delicato del collare elettrico e conclude che l'utilizzo di questi collari non risolve i problemi comportamentali, ma porta ad uno stato di paura nei cani.

Nell'articolo "Owner Attachment and Problem Behaviors Related to Relinquishment and Training Techniques of Dogs" viene dimostrato che i cani da lavoro raggiungono risultati più alti nelle performances quando durante l’allenamento si utilizzano rinforzi positivi, rispetto a cani addestrati con le punizioni e che l'utilizzo di metodi coercitivi è associato a problemi comportamentali come ansia, stress e aggressività.

Esistono anche molti studi che dimostrano l’efficacia del rinforzo positivo e l’importanza delle lodi da parte del proprietario.

Molti addestratori basano il loro lavoro sulle ricompense in cibo, ottenendo i risultati molto velocemente ma tralasciando la parte “emozionale” della collaborazione.

Una ricerca condotta dalla Emory University spiega come i nostri cani preferiscano i complimenti e le lodi del proprietario anziché i semplici bocconcini.

E' chiaro che, in quest'ottica, l'utilizzo da parte dei proprietari di strumenti e metodi coercitivi rischia di rovinare la relazione e impedisce la creazione di un rapporto basato su fiducia e rispetto.

Tecniche di educazione che lavorano sull’interazione e sulla cooperazione richiedono impegno, costanza e coerenza, ma permettono di ottenere risultati migliori e più duraturi nel tempo.

Ecco perché sulla base di questi studi e dell'esperienza fatta con 3645 cani ed i loro proprietari ho creato e perfezionato il metodo EmpathyDOG.

Lavorando sul rinforzo positivo basato sulle lodi e sulla creazione di un rapporto di rispetto e fiducia, lavorando sulla comunicazione "canina", lavorando sulle abitudini che ti limitano ogni giorno e sulle false credenze che ti impediscono di avere il rapporto che hai sempre desiderato riuscirai finalmente ad avere il rapporto che hai sempre desiderato.

Non ci sono altre soluzioni, se vuoi migliorare il rapporto con il tuo cane devi migliorare la tua comunicazione e le tue competenze..e questa per me ed il mio staff è una missione vera e propria.

Vedervi sereni e felici in ogni situazione.

Alla Vostra Felicità

ENTRA ORA IN DOG TRAINER ACADEMY